lunedì 20 aprile 2009

Twin Peaks, il cult degli anni '90

E’ un freddo mattino di febbraio. Nella placida Twin Peaks, cittadina statunitense al confine col Canada, sono tutti indaffarati: studenti che s’affrettano a raggiungere il liceo, uomini d’affari alle prese con un importante acquisto… Pete Martell (impersonato da un magistrale Jack Nance), onesto cittadino dall’aspetto burbero, esce in cortile e scorge il cadavere di una donna avvolto in un telo di plastica abbandonato sulla riva. Si precipita in casa, si fionda in salotto e afferra il suo telefono. Contatta lo sceriffo Harry Truman (Micheal Ontkean) e, in tono concitato, gli narra la sua macabra scoperta. La notizia si spande a macchia d’olio in città e subito viene resa nota l’identità della giovane rinvenuta ormai senza vita. Si tratta di Laura Palmer (Sheryl Lee), studentessa modello, impeccabile, dal viso angelico e incorniciato da una folta chioma bionda. I genitori della ragazza, Sarah (Grace Zabriskie) e Leland (Ray Wise), sono straziati dal dolore per quella perdita improvvisa, ma possono contare sull’appoggio dei loro concittadini, che li sostengono sempre con grande affetto. A seguito dell’autopsia effettuata dal medico legale di Twin Peaks, si scopre che Laura è stata uccisa con un corpo contundente ed è l’ennesima vittima di un folle serial killer. Nella stagione conclusiva del telefilm, l’agente speciale Dale Cooper (interpretato da un giovane e inesperto Kyle MacLachlan) viene a conoscenza del nome dell’autore dell’assassinio. Si tratta di… Leland Palmer, il padre della vittima, posseduto dal demone Bob (Frank Silva), che dimora nei boschi della città! Eh, già. Non stiamo parlando di un thriller, ma di un fantasy, che ha suscitato innumerevoli consensi sia in patria sia in Italia. C’è da dire che il merito di aver lanciato la rete ammiraglia Mediaset va attribuito in parte alla serie ideata da David Lynch, che ha macinato ascolti da capogiro (il film tv che ha dato inizio alle drammatiche vicende di Twin Peaks è stato seguito da 11 milioni di telespettatori, record tuttora imbattuto!). Ciò che affascina del serial è certamente quell’alone di mistero che avvolge l’omonima cittadina statunitense e che tiene incollato al teleschermo lo spettatore fino al colpo di scena che chiude l’episodio. Purtroppo Twin Peaks ha avuto vita breve, anche se dalla serie è stato tratto un lungometraggio, un prequel dal titolo “Fuoco Cammina Con Me”, che racconta gli ultimi giorni di vita di Laura Palmer e la sua tragica, sconvolgente morte. La puntata finale della fiction americana si conclude con un cliffhanger: Bob, lo spirito maligno che aveva freddato Laura, prende possesso del corpo di Dale Cooper.
L'articolo è stato pubblicato su
e su

Nessun commento:

Posta un commento